Io Sono Leggenda

Haven

Serie TV (Canada 2010)

 

Dal 18 ottobre 2010 è in programma sulla TV a pagamento Steel TV la nuova serie di fantascienza ispirata al romanzo di Stephen King The Colorado Kid (2005). Ad Haven, una cittadina marinara del Maine, è un fuga un pericoloso ricercato. L’agente FBI Audrey Parker (Emily Rose) viene mandata ad investigare, ma quando arriva il tizio è già morto in maniera inesplicabile, scaraventato in mare da una scogliera ad un centinaio di metri al largo, come se fosse stato sparato da un cannone. Audrey si accorge ben presto che a Haven avvengono degli strani fenomeni dovuti a delle persone con poteri apparentemente soprannaturali. Cosa ancora più grave, Audrey è orfana, e in un giornale locale di trent’anni prima che parla di un vecchio delitto scopre la foto di una donna che le assomiglia in maniera sconcertante e che potrebbe essere sua madre. Decide perciò di utilizzare tutte le proprie ferie arretrate per rimanere a Haven e tentare di sbrogliare il bandolo della matassa. Questa in sintesi la trama dell’episodio pilota di Haven del quale domenica 14 novembre 2010 nelle sale di Cinecity in occasione del Festival di Science plus Fiction è in programma un assaggio. Devo dire che l’anteprima mi ha deluso alquanto. L’ambientazione è molto carina, ma ci sono troppi riferimenti ad altre serie TV di fantascienza americane girate con ben altro piglio registico come Fringe, Heroes e Lost. Ormai codesti serial sovrannaturali si assomigliano un po’ tutti, e per catturare l’interesse del pubblico ci vogliono dei registi veramente tosti come per esempio Frank Darabont che con il suo The Walking Dead ci ha proposto qualcosa di veramente eccezionale. Altrimenti si scade nella telenovela, con personaggi stereotipati e situazioni prevedibili. Peccato, perché la TV canadese in altre occasioni ci aveva regalato dei veri capolavori, offrendo l’occasione di lavorare a grandi registi come George Romero, Joe Dante e Terry Gilliam. Invece Haven mi è sembrato solo un esperimento mal riuscito, dove produttori e registi, timorosi di dispiacere il grosso pubblico, hanno confezionato una storia melensa piena di aria fritta e rifritta. Siamo molto lontani dalle opere cinematografiche più famose tratte dai libri di Stephen King, che ormai assommano a parecchie decine. Peccato. Sarà per un’altra volta.

 

Gianni Ursini

Ancora con voi Continuum, rivista di fantascienza telematica.

Narrativa, saggistica, immagini, fumettistica... e tanto altro ancora per una testata (sinora) davvero fortunata. Ma abbiamo bisogno di voi: mandateci suggerimenti, opinioni critiche, e soprattutto vostri elaborati come racconti, recensioni e saggi. Con il vostro aiuto Continuum non potrà che crescere ancora!

La Redazione

scrivi alla redazione scrivi alla redazione

Collaboratori:
Donato Altomare, Fabio Calabrese, Andrea Carta, Vittorio Catani, Nunzio Cocivera, Alberto Cola, Simone Conti, Giovanni De Matteo, Elena Di Fazio, Enrico Di Stefano, Roberto Furlani, Lukha Kremo Baroncinij, Luca Masali, Sabrina Moles, Adriano Muzzi, Annarita Petrino, Amedeo Pimpini, Antonio Piras, Salvatore Proietti, Giampaolo Proni, Gianni Sarti, Gianfranco Sherwood, Claudio Tanari, Ivo Torello, Gianni Ursini, Enzo Verrengia, Alessandro Vietti.