La straordinarietà del numero ci ha fatto vincere ogni remora nel sovvertire (in via del tutto eccezionale) quelli che sono i programmi di Continuum, soprattutto per quanto riguarda un discorso di tipo quantitativo.
Accade così che presentiamo qui ben cinque racconti, cinque Marte diversi nati dalla penna e dalla fantasia di alcuni nostri autori rigorosamente pubblicati in ordine alfabetico.
A voi quindi la scelta di quale possa essere il "vostro Marte": quello poetico di Donato Altomare, quello primitivo di Fabio Calabrese, quello fiabesco di Nunzio Cocivera, quello degradato di Giovanni De Matteo o quello spaventoso di Annarita Petrino.
Buon viaggio su un quarto pianeta mai come qui multiforme e sorprendente.

 

Dedicato di Donato Altomare

I figli del deserto di Fabio Calabrese

Alieni Maya di Nunzio Cocivera

Red dust di Giovanni De Matteo

Memento mori di Annarita Petrino